Iva Zanicchi: «Per Silvio è l’ora di lasciare. Ormai FI è un covo di vipere»

image

Sorprende il fatto che sia rimasto a casa un popolo da una fortissima tradizione politica.

«Gli emiliano-romagnoli sono molto focosi. Sono stati prima tutti fascisti, e poi tutti comunisti. Va da sé che io, bastian contrario, sono cresciuta fortemente anti comunista. Che io ricordi non c’è mai stato un tasso di astensionismo come quello di domenica, che è comunque un messaggio forte. Fa capire lo scontento degli elettori. È il fallimento totale della politica, la gente non ne può più delle parole»…..

leggi l’intervista su http://www.iltempo.it/politica/2014/11/25/per-silvio-e-l-ora-di-lasciare-ormai-fi-e-un-covo-di-vipere-1.1349168

Le mille vite di Iva Zanicchi: “Feci inginocchiare Fellini e Berlusconi cantò per me”

1Lesmo (Monza e Brianza), 23 novembre 2014 – Ha vinto tre volte il Festival di Sanremo. Ha cantato in tutto il mondo, la prima italiana al Madison Square Garden di New York o in tournée in Russia quando ancora c’era il Muro. Ha fatto televisione (tanta) e politica. Ha diviso, ha unito. L’Aquila di Ligonchio, come la chiamavano, anche se ormai da più di quarant’anni è stata adottata dalla Brianza, non ha certo perso la voce. Non solo quella che usava per cantare. 
 Leggi l’articolo de Il Giorno su http://www.ilgiorno.it/monza-brianza/iva-zanicchi-1.426050