Iva Zanicchi: “Sono pentita di aver fatto politica, ma dovevo vendicare mio padre”.

Iva Zanicchi a tutto campo, dalla musica alla politica. Intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, la cantante ha fatto capire di essere pronta ad andare al Festival di Sanremo: “Quest’anno, saranno 50 anni dalla vittoria di ‘Zingara’ al Festival di Sanremo. Per ora non mi ha contattato nessuno dal Festival, ma aspettiamo, si fa sempre in tempo. Se vado, partecipo alla gara, non mi piace essere ospite. C’è una canzone pronta ed è un pezzo bellissimo. Bacalov prima di morire mi aveva promesso una canzone. Me l’ha mandata, me l’ha scritta ed è emozionante. E’ una bellissima canzone. Forse meriterebbe questa possibilità”.

L’ex parlamentare, poi, ha detto di essersi pentita di aver fatto politica: “Non lo rifarei, anche se ci ho creduto, ho dato l’anima, l’ho fatto con passione e impegno. Ma venendo dal mondo dello spettacolo, non mi prendevano sul serio. E’ difficile essere credibili quando si viene dal mondo dello spettacolo. Devi faticare dieci volte tanto. Per fare una battuta, il primo anno mi chiamavano zingara, il secondo Iva, solo l’ultimo anno anche onorevole. Mi sono impegnata in politica con amore, mi sono pentita di questa scelta, in Italia non ti perdonano, se sei una cantante devi fare la cantante, se sei un politico devi fare il politico”.

Iva Zanicchi, poi, ha svelato un aneddoto: “Ho fatto politica per vendicare mio padre. Era un uomo di poche parole, a Ligonchio, dove sono nata, votavano tutti Dc o Pc. Le donne e i malati votavano Dc perché il prete gli diceva che altrimenti sarebbero andati all’inferno. Gli uomini votavano Pc perché se ne fregavano. Mio padre invece era un social democratico. Gli chiesero di candidarsi, lui provò a rifiutare ma poi accettò la proposta. Prima delle elezioni si mise a contare i voti che avrebbe preso, tra moglie, parenti, e amici. Pensava di arrivare a quindici voti, invece ne prese uno. Uno di numero. Dopo il conteggio elettorale arrivò a casa, prese per il collo mia madre e le disse ‘brutta bestia, nemmeno tu mi hai votato’. Lei gli risposte ‘e ti credo, non vado all’inferno per te”.

Su Salvini: “L’ho conosciuto quando ero europarlamentare. E’ un gran lavoratore, un combattente. E poi non scandalizziamoci. In campagna elettorale ha detto delle cose, ora cerca di attuare ciò che ha promesso ai propri elettori. Io non l’ho votato, ma chi l’ha votato dovrebbe essere felice, prova a realizzare ciò che ha detto. Lasciamolo lavorare, vediamo poi cosa potrà realizzare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *