Zanicchi: “Putin, l’Ucraina e Battisti. Adesso vi dico tutto”

Emiliana, ma mai comunista. Iva Zanicchi si racconta, dal dispiacere per la guerra alle difficoltà della sua carriera: “Se mi fossi candidata con la sinistra, ora sarei una bandiera e invece…”

Zanicchi: "Putin, l'Ucraina e Battisti. Adesso vi dico tutto"

Emiliana sì, ma non comunista tanto da rivendicarlo con orgoglio persino davanti ai giornalisti russi nel 1981 durante la conferenza stampa di una storica tournée in Unione Sovietica, la prima di una cantante italiana oltre il Muro di Berlino. «Il funzionario della nostra Ambasciata mi consigliò vivamente di non parlare di politica, ma io volli subito mettere le cose in chiaro. D’altronde sono fatta così».

Iva Zanicchi, 82 primavere, ha scelto di festeggiare i sessant’anni di carriera, prima tornando sul palco di Sanremo e poi presentando il nuovo disco: «Gargana» che nel dialetto di Ligonchio, il suo paese d’origine, significa «voce», appellativo che l’accompagna da sempre. Acclamata dal pubblico di ogni età, odiata da alcuni – non tutti – i critici musicali, oggi nelle sue canzoni continua a parlare d’amore anche perché «solo puntando al cuore si possono superare gli imprevisti e, perché no, anche uscire da questa tragica guerra».

Ma Putin ha un cuore?

«Sì, anche lui ce l’avrà. Ci vorrebbe però qualcuno in grado di farlo ragionare, di allontanare da lui l’ombra del comunismo, di scacciare questa idea malsana di un ritorno alla grande Unione Sovietica. Qualcuno in grado di ricordagli che anche lui ha dei figli, una moglie, una famiglia, proprio come i poveri ucraini che sta attaccando».

E chi è questo «qualcuno»?

«Io forse manderei una donna, una come Angela Merkel per intenderci. Anzi forse chiederei proprio a lei di tornare in pista. L’ex cancelliera tedesca è sempre stata decisa, forte, determinata. Insomma è lei probabilmente la persona giusta per trattare con Putin».

Non ci sono uomini in grado di farlo?

«Sì, forse solo Draghi potrebbe avere le capacità di dialogo necessarie. Il nostro presidente è uno serio, ma in ogni caso serve l’aiuto di tutti, anche degli americani».

Biden che impressione le ha fatto?

«Non mi entusiasma. Non ha carisma e autorevolezza. Non so spiegarle il motivo, gli manca la grinta del leader. E poi anche lui è responsabile di questa situazione: lui e gli altri capi di Stato e di Governo sapevano da mesi quali erano le intenzioni di Putin, ma non hanno fatto nulla per fermarlo».

Ecco, ora però l’Italia e gli altri Stati dell’Unione Europea hanno deciso di inviare armi in Ucraina. È una scelta giusta?

«È stata una scelta sicuramente difficile da prendere. Certo, gli ucraini ci hanno chiesto aiuto e forse non si poteva fare altrimenti. Resta il fatto che non bisogna mai perdere di vista il dialogo, è quella la strada da seguire».

Lei è stata anche europarlamentare, conosce bene dunque i palazzi di Bruxelles. Come si sta comportando l’Unione europea?

«In questi anni sono stati commessi tanti errori. Non è stato portato avanti, per esempio, il progetto di un esercito unico europeo che oggi tanto sarebbe servito. Ma sa qual è lo sbaglio più grande commesso finora, in particolare dall’Italia?».

Qual è?

«Dover dipendere dalla Russia sul piano energetico. Di fatto la politica dei no, soprattutto di una certa parte del Parlamento, ha finito per renderci succubi di Putin. Avremmo dovuto sfruttare le nostre materie prime e invece non lo abbiamo fatto. Risultato: ora ne paghiamo le conseguenze e siamo, mi perdoni per la franchezza, nella merda».

Oggi molti criticano Berlusconi per lo stretto rapporto che ha avuto con Putin. Che ne pensa?

«Io credo che il presidente Berlusconi abbia fatto bene invece a dialogare con Putin. D’altronde come può un capo di Governo non avere rapporti con il presidente della Russia? Anzi bisogna dire che fin quando c’è stato il dialogo, le cose sono andate bene, quando questo è venuto meno sono incominciati i casini. Ora bisogna solo in qualche modo fermarlo».

Si aspettava questa reazione da parte degli ucraini?

«Ho visitato Kiev, una città favolosa e ho avuto modo di conoscere diversi ucraini. Sono un grande popolo nazionalista, amano la propria terra e sono determinati a difenderla».

Ha visto quanti uomini sono partiti per andare a combattere anche dall’Italia?

«Sì, ho visto però anche tante donne, tante madri che hanno addirittura spinto i loro figli ad arruolarsi. Mi ha colpito una scena in particolare: la reazione di una moglie, era l’unica a non piangere davanti al marito che salutava lei e la sua bambina prima di andare al fronte».

Secondo lei, le mamme italiane si comporterebbero così?

«No, non penso. Le mamme italiane sono visceralmente legate ai propri figli e non potrebbero mai mostrare la stessa freddezza di queste donne ucraine, che io apprezzo molto. Così come stimo Zelensky».

L’attore comico diventato presidente…

«Sì, sta dimostrando di guidare al meglio il suo popolo. Poteva fuggire e invece è ancora lì a Kiev a guidare le sue truppe. E poi sa perché mi piace?».

Perché?

«Se arrivi dal mondo dello spettacolo, nella testa di molti non puoi essere anche un buon politico. Lui sta dimostrando che è solo una sciocchezza, un pregiudizio che ho subito anch’io quando sono entrata al Parlamento Europeo».

Ha ricevuto tanti attacchi?

«Sì, ancora me li ricordo. Poi ho dovuto faticare per anni prima di rientrare nel giro ed ora eccomi di nuovo qua. Allora ho fatto una scelta che molti giornalisti hanno considerato inaccettabile».

Ovvero?

«Mi sono candidata con Berlusconi, questo non me l’hanno mai perdonato».

Si è mai pentita?

«No, mai. Ma so che se mi fossi candidata con la sinistra, sarei diventata sicuramente una bandiera, invece…».

Invece?

«Le sembra normale che un’emiliana come me, una che ha visto con i suoi occhi la Resistenza, non è mai stata invitata a cantare sul palco del Primo Maggio? Io avrei diritto di cantare ‘Bella Ciao’ molto più di altri».

Però in compenso ha cantato di nuovo sul palco di Sanremo…

«È stata un’emozione grandissima. Certo, la classifica non mi ha premiato, ma l’affetto del pubblico, la standing ovation dell’Ariston mi hanno davvero commosso. Peccato solo per qualche critica gratuita…».

Ci è rimasta male?

«No, so di non piacere a una serie di critici musicali. Ma non mi interessa, se mi guardo indietro non posso che essere soddisfatta anche perché nella mia vita ho avuto la possibilità di collaborare con tantissimi artisti, alcuni davvero grandi che restano nella memoria di tutti».

Molti hanno anche scritto canzoni per lei. Chi ricorda con più affetto?

«Lucio Battisti. All’inizio non mi piaceva la canzone che aveva composto per me e dicevo: ‘È l’unica canzone brutta di Battisti’. Ma mi sbagliavo: ‘Il mio bambino’, questo il titolo del brano, testo di Mogol e musica di Battisi, è un componimento profondo».

Ma Battisti era davvero così musone come dicono?

«Per niente. Era una persona adorabile, infatti ci siamo diverti molto. Uscivamo, andavamo a cena, è stato un periodo molto bello».

Apprezza i cantanti di oggi?

«Sì, ci sono artisti talentuosi. Ma ad alcuni devo fare un appunto: spesso si dimenticano di curare la melodia e sbagliano. Non devono mai dimenticarsi che noi siamo il Paese di Puccini, le sue melodie sono state copiate persino dai Beatles».

Ma c’è qualcuno che le piace più di altri?

«Diodato. L’ho detto più volte anche se lui non hai mai risposto ai miei complimenti. Ha scritto canzoni favolose, alcune poi parlano anche d’amore».

A proposito dell’amore, o meglio del sesso, ma è vero che lei è il suo compagno non vi risparmiate da quel punto di vista?

«Certo, non capisco perché questo debba scandalizzare. Il problema è che noi italiani abbiamo sempre visto il sesso come un tabù. Era una cosa comprensibile tanti anni fa, ma adesso non lo è più. Se sei innamorato, se hai fantasia, puoi continuare a fare sesso anche a 82 anni. Viva la vita e viva la libertà. E poi in questi anni di pandemia siamo stati costretti a rimanere a casa, quindi…».

Ecco, tutt’a un tratto la guerra in Ucraina ha fatto scomparire il Covid. È finita l’emergenza?

«No, il Covid c’è ancora. Ma in questi mesi ne abbiamo parlato troppo e male, abbiamo terrorizzato le persone. Meglio dunque continuare a stare attenti, ma discuterne di meno soprattutto in tv».

Le mancheranno i virologi?

«No. Una volta a uno di loro, non le dirò il nome però, ho detto che era diventato più famoso di Celentano».

Sappiamo chi è, ci ricordiamo di quello scambio di battute: era il professor Galli…

«Ecco, l’ha detto lei. Non mi faccia dire altro altrimenti magari si offende e io non voglio fare offendere nessuno. Io canto l’amore e prego per la pace».

Questo articolo è stato pubblicato in Tv da Mirko . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.