Record d ascolti per il compleanno di Iva

Più di 3 milioni di italiani incollati alla tv con lo share che schizza al 22%: Verissimo – condotto da Silvia Toffanin– fa il botto. E quando arriva Iva Zanicchi, che festeggia in tv i suoi 80 anni, lo share arriva alle stelle. Poi in diretta la sorpresa di Cristiano Malgioglio, che si presenta con un mazzo di fiori in mano per gli auguri.

Per l’amata Iva è stata proprio una “Notte perfetta”: festeggiamenti fino a tardi con tantissimi personaggi del jet-set. C’era anche Barbara d’Urso alla mega festa all’insegna della musica e dell’allegria. Dalla mezzanotte  è uscito il nuovo brano di Iva, che s’intitola “Sangue nero” (Baraonda Edizioni Musicali).  Questa canzone è un vecchio fado riarrangiato in modo più moderno con un intenso testo di Cristiano Malgioglio.

Nuovo doppio cd

Erano almeno 20 anni che aspettavamo un cd del genere. Grazie a Marco Sacco, ecco la reincisione di pezzi incredibili a ragione facenti parte della storia della musica italiana. Con una qualità sonora e un’eccellenza interpretativa da fare invidia a chiunque prova ad affacciarsi all’odierno panorama discografico italiano. Correte in edicola! 

 IMG-9096

AQUILA DI LIGONCHIO

Iva Zanicchi compie 80 anni: festa con gli amici e duetto con Bianca Atzei
La cantante emiliana si regala anche un nuovo singolo, scritto da Malgioglio, intitolato “Sangue nero”

Tanti auguri a Iva Zanicchi, che il 18 gennaio ha spento 80 candeline.

E, per l’occasione, “l’aquila di Ligonchio” (suo paese di origine, in provincia di Reggio Emilia) si è fatta non uno, ma due regali.

Il primo: una festa con gli amici, nella sua casa di Lesmo, in Brianza, che ha visto tra invitati anche molti vip e colleghi. Come Bianca Atzei, che non ha mancato di affiancare Iva in un appassionato duetto, prima del taglio della torta.

Il secondo è anche un regalo che farà felice tutti i fan della Zanicchi: un nuovo singolo, scritto da Cristiano Malgioglio e intitolato “Sangue Nero”, uscito proprio il giorno del suo compleanno.

“Ma non è finita – assicura proprio Iva ai suoi follower su Instagram – presto ci saranno altre sorprese”.

Iva Zanicchi: sabato 18 gennaio, in occasione del suo compleanno, esce in radio il suo nuovo singolo “Sangue Nero”

 

Domani, sabato 18 gennaio, Iva Zanicchi, raggiungerà il traguardo degli 80 anni e dopo una vita di successi come cantante, attrice e presentatrice televisiva, pubblicherà il suo nuovo singolo per festeggiare il suo compleanno. Il brano dal titolo “Sangue Nero” sarà in radio a partire dalla mezzanotte di questa sera: “Questa canzone è un vecchio fadocommenta Iva Zanicchiriarrangiato in modo più moderno con un intenso testo di Cristiano Malgioglio. E’ una canzone passionale che canto con vigore, e che sento molto”.

Iva Zanicchi a Furci per la festa del Beato Angelo

Il 12, 13 e 14 settembre prossimi a Furci si festeggerà la solennità del Beato Angelo.Le celebrazioni religiose inizieranno giovedì 12, mentre l’ospite musicale sarà principale si esibirà venerdì 13 in piazza alle 21.30. Il programma stilato dal comitato feste quest’anno prevede la presenza della cantante e conduttrice tv Iva Zanicchi; a chiusura dello spettacolo ci saranno i fuochi pirotecnici.

 

Con Iva Zanicchi. Ok… lo show è giusto!

Marina D'Amare_Iva Zanicchi (3)

Il comitato ‘A Beddu Cori, organizzatore della seconda edizione di “Marina d’amare”, nell’ambito delle iniziative estive di Termini Imerese, con il sostegno dell’assessorato regionale dell’Agricoltura, dipartimento Pesca – Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) e patrocinato dalla Presidenza dell’Assemblea regionale siciliana, ha fatto centro, o per meglio dire “100”, come il punteggio massimo della famosa ruota di “Ok il prezzo è giusto”, programma televisivo che ha reso ancor più popolare una delle signore della musica italiana: Iva Zanicchi.

Lo spettacolo conclusivo ha visto la piazza riempirsi come capita solo nelle grandi occasioni.
Dalle ore 22:00 “Sanremo è sempre Sanremo”, lo spettacolo ideato dalla band Atmosfera Blu e dalla DalVivo Produzioni, coinvolge intere generazioni, passando dai grandi classici ai recenti successi del festival dei fiori, fino a quando alle 23:00 arriva la presentazione che fa vibrare la piazza: Giuseppe Santamaria e Anna Lanzaaccolgono sul palcoscenico la straordinaria Iva Zanicchi con il famoso stacchetto scritto dal maestro Pippo Caruso.

Iva diventa padrona del palco

Rigorosamente dal vivo, accompagnata dai musicisti della band Atmosfera Blu, Iva Zanicchi, regala al pubblico un’ora di grandi canzoni: Testarda io, La riva bianca la riva nera, La notte dell’addio, Come ti vorrei, Non pensare a me, Ciao cara come stai, Zingara salsa, brano lanciato proprio insieme agli Atmosfera Blu. Un omaggio alla canzone napoletana con Dicitencello vuje, concluso da un assolo di fisarmonica di Giuseppe Santamaria chiesto proprio da Iva, e per finire Zingara nella versione classica amata da tutti, hanno strappato al pubblico applausi a scena aperta. Non è mancata di certo l’allegria tipica dell’Aquila di Ligonchio che, tra una canzone e l’altra ha improvvisato barzellette e raccontato aneddoti divertenti legati alla sua strepitosa carriera.

Non solo la ‘luna buona’, Iva Zanicchi riempie la piazza per un concerto-teatrale memorabile

La ‘ragazza nata di luna buona’ fa il tutto esaurito: una piazza gremita come non mai, per una serata speciale che solo Iva Zanicchi poteva rendere ancora più magica. Un concerto che ha allietato il ferragosto di Nuova Cliternia e che ha celebrato la lunghissima carriera musicale di una delle artiste più longeve e talentuose del panorama musicale italiano: il suo tour, che prende il nome da un modo di dire della piccola frazione di Ventasso in cui è nata Iva Zanicchi, si è fermato in Molise per l’unica tappa in regione, grazie all’associazione ‘Madonna Grande’ che, con l’omonima parrocchia a Nuova Cliternia ed il patrocinio del comune di Campomarino, è riuscita ad offrire un vero e proprio spettacolo.

Molto più di un concerto, perché la Zanicchi fa sua la scena fin dai primissimi minuti, in un susseguirsi di musica e teatro che hanno ripercorso i suoi (quasi) sessant’anni di carriera, intonando i suoi successi più famosi, che il pubblico ha ricalcato in maniera ineccepibile, e raccontando molto di sé, dei suoi trascorsi e degli eventi che hanno segnato la sua carriera e la sua esistenza. Una carica esplosiva, inarrestabile, in un corpo slanciato e tonico (Iva è alta 1,73 metri ed ha 79 anni) da far invidia.

L’aquila di Ligonchio ha raccontato così la sua vita, le sue molteplici esperienze in tv, dapprima come cantante, poi come attrice fino a raggiungere la scena televisiva grazie alla conduzione di numerosi programmi. Un concerto-racconto, dove Iva Zanicchi è riuscita ad intrattenere il numerosissimo pubblico giunto anche da fuori città per ascoltare la sua voce, la sua storia, in attesa di essere inondato dalla grinta e dalla passione che sono scritte nel suo DNA. A margine del concerto, sono stati estratti anche i numeri fortunati della lotteria Madonna Grande, anche se la vera vittoria è stata la possibilità di ascoltare ed incontrare Iva.

Ligonchio: un programma ricco di eventi per i 100 anni della Centrale idroelettrica

Sabato 10 agosto concerto gratuito di Iva Zanicchi

Spegne 100 candeline la Centrale idroelettrica di Enel Green Power costruita a Ligonchio nel 1919 quando, questo piccolo paese del comune di Ventasso, venne considerato favorevole ad ospitare impianti grazie a una spiccata piovosità e alla presenza di salti naturali sufficienti a garantire una buona potenza installata.

È con queste premesse che nasce e si sviluppa il centenario impianto, nella sua inconfondibile veste in stile liberty, circondato dalle vallate e dai boschi dell’Appennino che, l’11 dicembre del 1921, con la realizzazione delle opere idrauliche a monte, iniziò ufficialmente la sua attività di produzione di energia elettrica rinnovabile e pulita.

Per festeggiare questo importante traguardo, Enel Green Power, in collaborazione con il comune di Ventasso e con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, ha organizzato un programma ricco di eventi che, dal 3 fino all’11 agosto, animerà la Centrale di Ligonchio e tutto il suo contesto paesaggistico e culturale. Tra gli appuntamenti più attesi il grande ritorno di Iva Zanicchinel suo paese d’origine, con il concerto “Sono nata di luna buona” in onore della Centrale a cui è fortemente legata la sua storia di bambina cresciuta con il nonno e il papà Zeffiro, dipendenti storici di Enel. Il concerto gratuito, aperto al pubblico, si terrà il 10 agosto alle ore 21 presso la centrale e sarà presentato dal responsabile Enel Green Power Area Nord Massimo Sessego. L’attesa esibizione della Zanicchi, battezzata “l’Aquila di Ligonchio”, sarà preceduta da una serie di spettacoli ed eventi per grandi e piccini organizzati in Centrale a partire dalle ore 9.30, dove tutti i visitatori potranno scoprire il misterioso mondo dell’energia e apprezzare le eccellenze gastronomiche del territorio e dell’artigianato locale.

SPAZIO GERRA, IVA ZANICCHI INAUGURA L’ESPOSIZIONE DEDICATA ALLA CANZONE ITALIANA FEMMINILE DEGLI ANNI ‘7

 Iva Zanicchi inaugura l’esposizione dedicata alla canzone italiana femminile degli anni ‘70 Iva Zanicchi inaugura l’esposizione dedicata alla canzone italiana femminile degli anni ‘70

Inaugurata da Iva Zanicchi, la mostra in corso presso Spazio Gerra a Reggio Emilia, dedicata alla canzone italiana femminile degli anni ‘70 e facente parte del circuito Fotografia Europea. 

Reggio Emilia –

Confessare un sentimento, esprimerlo per liberarsene o per riuscire a rileggerlo, cercare le parole per tradurlo e interpretarlo. Questo è ciò che la canzone ha saputo fare più e meglio di qualsiasi altra espressione artistica, diventando per almeno cinquant’anni il principale strumento di identificazione popolare per intere generazioni di italiani.

Nei primi anni ’70, cantanti che hanno dominato la scena televisiva e discografica si sono esibite in disarmanti interpretazioni, intense, profonde e talmente sincere da abbattere talvolta i confini fra performance e vita reale. Mia Martini, Mina, Iva Zanicchi, Ornella Vanoni, Patti Pravo… hanno saputo esprimere stati d’animo e sentimenti intensamente legati alla sensibilità femminile, impossessandosi in prima persona di melodie e testi, trasformandoli appunto in vita vissuta. Brani scritti però – sia nella composizione musicale che nei testi – esclusivamente da uomini, quali Mogol, Franco Califano, Paolo Limiti, Cristiano Malgioglio e molti altri. Brani nei quali si è quasi magicamente creata un’irripetibile fusione tra il sentire maschile e femminile, quasi non ci fossero resistenze preconcette o separazioni di genere nel momento in cui si parlava d’amore.

uesto il tema, della mostra in corso presso Spazio Gerra a Reggio Emilia, dedicata alla canzone italiana femminile degli anni ‘70 e facente parte del circuito Fotografia Europea, fino al 9 giugno 2019.

Ad inaugurare l’esposizione, a cura di Associazione ICS – Innovazione Cultura Società, venerdì sera, una delle protagoniste di quegli anni: Iva Zanicchi, in un incontro in cui si é racconatata ai presenti.