Iva Zanicchi contro la violenza sulle donne: le iniziative della Provincia di Milano

“Sono particolarmente lieta di aderire a questa settimana di eventi, promossa dalla Provincia di Milano, con un concerto al Teatro Dal Verme. Da sempre ho cercato di essere vicina alle Donne e alle Associazioni che in questi cinquant’anni di carriera hanno chiesto il mio sostegno ad iniziative benefiche o campagne di sensibilizzazione. Oggi il mio impegno è duplice: da Artista, come in questo caso, e da Vice Presidente della Commissione Sviluppo del Parlamento Europeo, dove mi occupo dei Paesi più poveri al Mondo, ossia Africa, Caraibi e Pacifico”, ha concluso Iva Zanicchi.

Iva su Di Piu

Correte in edicola ad acquistare il nuovo numero di Di Piu’. In questo numero la popolare cantante apre le porte di casa sua, parla del suo grande ritorno discografico e sfoglia l’album dei ricordi della sua vita e della sua carriera. Oltre ad illustrare il nuovo album “In cerca di te” Iva ricorda il suo amico Umberto Bindi, vittima dei pregiudizi a causa della sua omosessualità.

Terremoto Lunigiana, Iva Zanicchi a Ligonchio dov’è crollata la casa la casa della zia

Visita dell’europarlamentare Iva Zanicchi nella sua Ligonchio, sull’Appennino Reggiano al confine con la Lunigiana toscana colpita dal recente terremoto. Lo fa sapere il consigliere regionale reggiano Fabio Filippi, che – entrambi esponenti Pdl – l’ha accompagnata con tanto di ‘Rete 4 al seguito’, sottolinea in una nota. La visita si e’ conclusa nelle aree dell’epicentro, a Fivizzano e Casola in Lunigiana, ma la prima tappa e’ stata nel Reggiano: europarlamentare e consigliere hanno incontrato le famiglie di una palazzina sgombrata a Castelnovo ne’ Monti, andando poi a Busana per la locale casa di riposo, dove dieci anziani sono stati evacuati sabato scorso per l’inagibilita’ dell’edificio parrocchiale (situazione critica anche per l’adiacente chiesa di S.Venanzio). Poi la chiesa di Cinque Cerri e tappa a Vaglie di Ligonchio, dove ha subito il crollo un’abitazione di proprieta’ della zia della Zanicchi. La zona e’ stata particolarmente colpita dalle scosse: in centro a Ligonchio, dove la cantante e’ nata, la chiesa e’ stata chiusa per le lesioni subite.

I 90 anni della centrale di Ligonchio nei ricordi di Iva Zanicchi

A festeggiare il compleanno della centrale, sfogliando il libro dei ricordi d’infanzia è la persona più famosa del comune, la cantante ed europarlamentare Iva Zanicchi, soprannominata “l’Aquila di Ligonchio”. «Sono una figlia dell’Enel», scandisce Iva Zanicchi con una punta di orgoglio e affetto sincero per descrivere il suo legame con l’azienda elettrica e la centrale ligonchiese.
Leggi l’articolo al link http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2012/11/20/news/i-90-anni-della-centrale-rivissuti-dalla-zanicchi-1.6056569

Piano di Sorrento Premio Penisola Sorrentina: Iva Zanicchi è grande

Il Premio Penisola Sorrentina ‘Arturo Esposito’ anche quest’anno con la sua diciassettesima edizione premia vari artisti che si sono distinti nei loro campi. Un premio che intende esaltare il binomio cultura-impresa e “rappresenta molto più di un’occasione per testimoniare l’impegno degli ambasciatori del made in Campania nel mondo”, sottolinea Maurizio Maddaloni, Presidente della Camera di Commercio di Napoli che collabora alla realizzazione dell’iniziativa. Grandissima Iva Zanicchi, straordinaria, ha offerto una esibizione strepitosa al pubblico (nel video di Positanonews Tv vedete un estratto, manca il ballo del corteggiato presentatore con la Zanicchi)

Premio Penisola Sorrentina con Iva Zanicchi, Massimo di Cataldo e Renato Balestra

Un premio che intende esaltare il binomio cultura-impresa. L’appuntamento è fissato per sabato 27 ottobre alle ore 20.00. Sul palco si alterneranno personaggi rappresentativi delle diverse filiere legate al tema conduttore selezionato: le industrie
culturali e la creatività italiana. Tanti i nomi attesi dei protagonisti tra cui Massimo Di Cataldo, Iva Zanicchi, Renato Balestra, Maria Grazia Leonetti, Gino Rivieccio.

Dichiarazione di Iva Zanicchi in merito al documento PDL sulla Tutela della Famiglia

Desidero precisare la mia posizione in merito al documento in oggetto, a seguito delle più svariate posizioni e dei commenti che ne sono seguiti.
Ormai sono in politica da alcuni anni e sono abituata al fatto che il mio nome venga utilizzato per fare notizia e ancora una volta è accaduto: tra 175 firmatari, tra cui ex ministri, ex sottosegretari, ed dirigenti di partito di primissimo piano, molti hanno scelto di attaccare me attraverso la rete.
Ero e sono a tutela della Famiglia e del Matrimonio e non ho certo cambiato idea. In un momento come quello attuale il nostro Paese ma ancor più l’Europa dovrebbero essere in prima fila nella tutela della Famiglia…mentre è sotto gli occhi di tutti che così non è, o che comunque le energie messe in campo sono insufficienti.
E’ per questo che ho aderito al documento, con la convinzione che una continua mobilitazione, una richiesta di nuove risorse, sia quanto mai impellente e necessaria.
Altra cosa è il riconoscimento delle unioni civili, siano eterosessuali, siano omosessuali.
Anche se questo mi attirerà critiche e antipatie da parte di colleghi e militanti del PDL, ho applaudito alla decisione del Comune di Milano di dar vita ad un registro per le unioni civili. Non dimentichiamoci però che la scelta di istituire un registro come quello milanese, in assenza di una legislazione nazionale, è un atto puramente formale, di facciata…forse un segno importante, ma appunto solo un segno…e mi diverte che un esponente storico del pd milanese (nonché figura di primo piano del mondo omosessuale) come Mancuso usi la rete per attaccare me invece di preoccuparsi della carenza a livello nazionale di una legge per le unioni civili; legge che, mi sembra di ricordare, era stata proposta da Paola Concia, contro la quale si era espresso il PDL ma anche parte del PD.
Io ribadisco il mio essere favorevole ad un ampliamento di determinati diritti a favore di tutte le coppie, etero e omo.
Da ultimo…chi mi conosce sa come io sia spesso circondata da persone omosessuali e sia stata particolarmente lieta di ricevere il Pegaso D’Oro due anni fa. Se però la comunità omosessuale ritiene che lo debba restituire, anche se a malincuore, sono pronta a farlo in totale amicizia e affetto, cioè lo stesso spirito con cui l’ho ritirato il 13 giugno del 2010.

Lauria, Premio Mediterraneo a Iva Zanicchi

Sarà popolare cantante di musica leggera Iva Zanicchi, oggi europarlamentare, ad essere insignita del Premio Mediterraneo nel corso della serata di gala che si terrà domenica 8 luglio a Lauria. A consegnare il prestigioso riconoscimento l’onorevole Gianni Pittella, primo vicepresidente del Parlamento Europeo. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Mediterraneo, è giunta quest’anno alla sua tredicesima edizione.