Iva Zanicchi en Buenos Aires, la cantante que le gustaba al Padre Pío

Buenos Aires (AICA): El último sábado 3 de junio, en el marco del programa “Verano Italiano”, auspiciado por la República de Italia, se presentó en el Teatro Coliseo, de esta ciudad, la cantante Iva Zanicchi, que cerró su recital con una mención al Papa Francisco. El padre Pío de Pietrelcina había manifestado su gusto por el canto de esta artista, que ha manifestado: ¨No debemos avergonzarnos de expresar nuestra fe¨.
El último sábado 3 de junio, en el marco del programa “Verano Italiano”, auspiciado por la República de Italia, se presentó en el Teatro Coliseo, de Buenos Aires, la cantante Iva Zanicchi, que cerró su recital con una referencia al Papa Francisco. El padre Pío de Pietrelcina había manifestado su gusto por el canto de esta artista, que ha manifestado: “No debemos avergonzarnos de expresar nuestra fe”.

La presentadora Canela inició la velada con un “Buonasera, trato de repetir las palabras del papa Francisco en el día de su elección, en 2013”, anticipando, tal vez, un comentario religioso que iba a llegar al final del show.

Vestida de rojo hasta los pies, histriónica y sin ceremonias, la única artista italiana que ganó tres veces el Festival de San Remo cantó una veintena de temas que incluyó “Zingara”, “La riva bianca, la riva nera” y “La distancia”, el hit de Roberto Carlos que se escucha en italiano en “Grupo de familia”, el filme de Luchino Visconti.

Entre pedidos de bis, señaló que el año pasado y con permiso del Vaticano, grabó “un video con un Padre Nostro cantado, donde también se ve y se escucha al papa Francisco mientras reza”.

En relación con esta obra, hay que decir que la religión está presente en los reportajes de la artista, oriunda de la región de Los Apeninos, para la televisión italiana. En uno de ellos aclara que el producido de ese video se destina a obras de caridad y que ella se ofrece a ir a cantar esa canción en forma gratuita, al final de la misa, en las iglesias pequeñas y alejadas de los centros urbanos.

En tal sentido, explica a Lucía Ascione, del programa “Bel tempo si spera”, que esas iniciativas se le ocurren porque la suya “era una familia de fe, como casi todas las de la época. Siempre me encomiendo a mi madre y a mi bisabuela María, devota de Santa Úrsula, que rezaba el rosario todos los días”.

“Aunque se sentía perfectamente bien, un 18 de junio a la mañana, mi bisabuela se vistió con el hábito terciario de Santa Úrsula y se acostó porque sabía que ese día, cuando empezara la misa de las once, iba a morir. Al rato de estar rezando se quedó dormida para siempre”, cuenta quien hoy es, también, una conductora y actriz que ha participado en política. Y agrega: “Dicen que esta santa les anticipa a sus devotos la fecha de su muerte”.

Casi adolescente logró vencer la desconfianza familiar (“Si no triunfás en un año, volvés y yo te compro una máquina para tejer géneros”, le dijo el padre), y contó con el apoyo del párroco.

En la misa del último domingo antes de su viaje a Reggio, Don Ciloni advirtió a su feligresía: “La hija de Zanicchi se va del pueblo para estudiar canto. No quiero escuchar ni un solo chisme ni maledicencia.” La cantante hoy reconoce que los hubo, y muchos, pero en secreto…

También señala a esa periodista que uno de sus santos preferidos es San Leopoldo Mandic porque a él le rezaba cuando su papá, “que estaba en coma, abrió los ojos antes de partir”. Junto con el Santo de Pietrelcina, el papa Francisco los declaró “Santos de la Misericordia” por haber dedicado su vida al confesionario.

Entrelazada con más de cincuenta años de carrera, la intérprete atesora su visita a los capuchinos de San Giovanni Rotondo, quienes le contaron que cuando el Padre Pío la escuchó cantar el tema vencedor de San Remo en 1967, les dijo: “Beh, questa guagliona canta proprio bene” (Esta chica sí que canta bien). Así lo contó en una edición reciente de la gala “Una voce per Padre Pio”.

Aunque algunos hoy le critican sus actitudes religiosas, ella sostiene que “no debemos avergonzarnos de expresar nuestra fe”.

En el Teatro Coliseo, Zanicchi, que había visitado la Argentina por última vez en 2004, cantó acompañada por los maestros Giandomenico Anellino (guitarra) y Roberto Magnamensi (piano). La aplaudió una sala entusiasta, a la espera de verla otra vez el año próximo, cuando ofrecerá una serie de recitales. Asistieron la embajadora de Italia, Teresa Castaldo; el cónsul general, Ricardo Smimmo y otras autoridades diplomáticas y administrativas, y en el acto se entregaron condecoraciones a descendientes de italianos.

Antes del cierre la artista declaró que, como tantos italianos y personas de todo el mundo, amó “al papa Bergoglio desde que salió al balcón”.+ (María F. Macri)

IVA ZANICCHI-BARBARA DE ROSSI/ Le bionde e straripanti mentori (Selfie 2, Le cose cambiano)

Barbara De Rossi e Iva Zanicchi a Selfie 2, le cose cambianoBarbara De Rossi e Iva Zanicchi a Selfie 2, le cose cambiano

IVA ZANICCHI-BARBARA DE ROSSI, LA NUOVA COPPIA DI BIONDI A SELFIE 2 LE COSE CAMBIANO (OGGI, 8 MAGGIO) – Torna Selfie 2 Le cose cambiano con una coppia inedita di bionde affascinanti e folli della televisione italiana. Stiamo parlando di quella composta da Iva Zanicchi e Barbara De Rossi. La prima è stata per tanti anni uno dei volti più apprezzati di Mediaset, conducendo Ok Il prezzo è giusto e dopo aver abbandonato la conduzione del programma, si ritrova in una nuova grande esperienza televisiva. Barbara De Rossi, invece, dopo essere stata sostituita senza una spiegazione alla conduzione di Amore Criminale da Daria Bignardi ed essere approdata a Rete Quattro con Il Terzo Indizio, si prepara ad essere accolta nuovamente dai telespettatori. Barbara De Rossi e Iva Zanicchi andranno a completare con Stefano De Martino e Bernardo Corradi e Alessandra Celentano e Mattia Briga la squadra dei mentori del programma che vuole aiutare le persone in difficoltà ad essere se stessi. Ci sarà sicuramente da divertirsi con le due bionde della tv.

Iva Zanicchi vota Orlando: “Sono pazza di Andrea. Se vince le primarie, canto gratis per lui”

di

L’endorsement della cantante al ministro della Giustizia durante la trasmissione Un giorno da pecora su Rai Radio1: “E’ bello, giovane, parla bene, non si arrabbia mai”. La risposta del candidato alla segreteria dem: “‘Dio come ti amo’, cantata da lei, è uno dei pezzi più struggenti della musica italiana”

Iva Zanicchi “pazza” di Andrea Orlando. Ospiti entrambi – il Ministro in studio, la Zanicchi al telefono – di Giorgio Lauro e Geppi Cucciari a Un Giorno da Pecora su Rai Radio1, i due si sono scambiati complimenti a vicenda, dopo l’esplicito endorsement della cantante al candidato alla segreteria del Pd. “Io spero che Orlando esca vincitore dalle primarie. Se succede, io vado e canto per lui gratuitamente”, è la promessa di Iva Zanicchi.

“Io sono pazza di lui, è bello, giovane, parla bene, non si arrabbia mai, è pacato e non promette mari e monti – aveva detto poco prima – io sono per lui, mi auguro ardentemente che possa vincere perché abbiamo bisogno di un uomo così“. La cantante ha dichiarato che domenica 30 andrà a votare alle primarie per il ministro della Giustizia: “Si pagano due euro? Beh, io ne do anche quattro per Orlando”. In studio le chiedono per quali motivi lo apprezza così tanto. “Per i motivi che ho detto prima – è la risposta di Iva Zanicchi – Poi perché ha cantato Zingara. E poi perché lui è di La Spezia, e io lì ho tantissimi parenti ed amici. Quando lui si affaccia alla finestra di casa, e guarda le montagne, lì c’è casa mia, Ligonchio, mica poco”.

A quel punto è arrivata la risposta di Orlando, altrettanto gonfia di complimenti: “È la cantante che ha vinto più Sanremo – ha detto a Rai Radio1 – c’è una sua canzone in un film di Luchino Visconti, voglio dire…e poi Dio come ti amo, cantata da lei, è uno dei pezzi più struggenti della musica italiana“. Ascoltati questi elogi, la Zanicchi ha promesso: “Se vince, canterò gratis per lui”.

“Selfie”, Simona Ventura torna con Belen e Iva Zanicchi

Da lunedì 8 maggio in prima serata su Canale 5: confermata Tina Cipollari

"Selfie", Simona Ventura torna con Belen e Iva Zanicchi

Un altro “Selfie” per Simona Ventura. Non sui social ma in tv. La conduttrice torna infatti al timone del programma da lunedì 8 maggio in prima serata su Canale 5. Come anticipa “Tv Sorrisi e Canzoni” è stata confermata Tina Cipollari ma sono ben due le new entry: Belen Rodriguez e Iva Zanicchi.

La Ventura torna a occuparsi delle persone in difficoltà (psicologiche o piccoli difetti fisici) con una squadra tutta nuova, a partire dalla showgirl argentina e dalla cantante. Le sorprese sono dietro l’angolo.

Iva Zanicchi: “Io costretta a cantare col cadavere di Tenco ancora caldo. Poi quella richiesta assurda per soldi”

La cantante, vincitrice del festival nel 1967, anno in cui morì in circostanze mai ben chiarite il grande Tenco, rivela dei retroscena inediti su quel triste evento

Iva Zanicchi: 'Io costretta a cantare col cadavere di Tenco ancora caldo. Poi quella richiesta assurda per soldi'

Ci sono verità sul festival Sanremo che è difficile persino raccontare, soprattutto in tempi in cui della kermesse nazional popolare si parla solo in termini lusinghieri. Iva Zanicchi, vecchia conoscenza dell’Ariston, ha deciso però di rompere il velo di ipocrisia che ammanta troppo spesso la realtà, e in particolare le circostanze della morte del grande Luigi Tenco, omaggiato magistralmente da Tiziano Ferro proprio in apertura dell’edizione in corso. “Mi è sembrata una bestemmia cantare al Festival con il cadavere di Tenco ancora caldo”, racconta in un’intervista a “Il Giornale” quella che non a torto è considerata una delle personalità musicali e vocali più importanti della musica leggera italiana degli anni sessanta e settanta (insieme a Milva, Mina, Ornella Vanoni e Patty Pravo).

“Ecco che cosa ricordo di quella sera”

Iva Zanicchi, vincitrice del festival nel 1967, insieme all’indimenticato, Claudio Villa, narra in sostanza di esser stata costretta dagli autori a esibirsi poco tempo dopo il suicidio del cantante e amico. Ma c’è dell’altro. Cinquant’anni dopo quel tragico evento, la Zanicchi rivela che le vennero addirittura offerti dei soldi per posare sulla tomba di Tenco. Lei, che di quell’artista maledetto era anche una grande amica, a quella assurda richiesta oppose un secco “No”. Era davvero troppo. Ma è anche sulle cause di quella morte improvvisa, che Zanicchi pretende di dire la sua, dicendo ancora oggi no a certa dietrologia che vorrebbe far pensare ad un omicidio. “Ricordo – racconta sempre a “Il Giornale” – quando Tenco salì sul palco, aveva qualcosa di strano, non cantava bene, fissava il vuoto e sembrava agitato. “Ha bevuto qualche whisky di troppo”, dicevano”. Poi l’eliminazione. “Dietro il palco ci siamo scontrati, spalla contro spalla, gli ho detto che mi dispiaceva. Lui se n’è andato di corsa, poche ore dopo era morto”.

Quell’inopportuno “The show must go on”

Il suicidio di Tenco avvenne con un colpo di pistola, nel mezzo del Festival di Sanremo, appunto dopo essere stato eliminato insieme a Dalida con loro brano “Ciao amore, ciao”. In quell’occasione, tanti cantanti in gara, tra cui tata Giacobetti del “Quartetto Cetra” chiesero di interrompere la kermesse. Il loro appello non venne ascoltato e Iva Zanicchi e Claudio Villa, con quel grande dolore nel cuore, si esibirono e vinsero con il brano “Non pensare a me”. Una vittoria che resterà per sempre legata a doppio filo ad un evento triste e a quell’inopportuno diktat “The show must go on“.

Zanicchi: festeggio 50 anni dalla vittoria a Sanremo e lancio un appello a “Il Volo”

Zanicchi: festeggio 50 anni dalla vittoria a Sanremo e lancio un appello a “Il Volo”

Ci sarò anch’io quest’anno a Sanremo, ma non come partecipante al Festival, sarò inviata speciale di un settimanale molto nazionalpopolare. Avrò il compito di incontrare colleghi e musicisti per raccontare quello che accade nella cittadina ligure“. A parlare è Iva Zanicchi che quest’anno festeggia i 50 anni dalla sua prima vittoria sul palcoscenico del principale festival canoro italiano.

Abbiamo incontrato la cantante che ci ha raccontato come si prepara a vivere questo traguardo. Inoltre ci ha svelato anche altri particolari della sua vita artistica e privata. 

Mezzo secolo dalla prima vittoria sanremese. Ci racconta le sue sensazioni?

Non pensavo proprio di vincere anche perché nel 1967 il festival si bagnò di sangue. Fu l’anno in cui Luigi Tenco, dopo aver partecipato tra i big in gara con la canzone “Ciao amore ciao”, si tolse la vita. Io non mi aspettavo di vincere. Sapevo di avere una canzone molto valida “Non pensare a me” ma quel dramma mi aveva letteralmente sconvolta.

iva zanicchi non pensare a me sanremo 1967Aveva incontrato Luigi Tenco dietro le quinte?

 L’ho incontrato subito dopo aver ricevuto la notizia dell’esclusione della finale. Gli rivolsi la parola dicendogli “mi dispiace Luigi”. Lui ha alzato gli occhi, mi ha guardato con una espressione quasi assente e non mi ha risposto. È stata l’ultima volta che l’ho visto in vita. La mattina successiva abbiamo ricevuto la notizia della sua morte. 

Ma il festival continuò ad andare avanti. Fu una decisione giusta a suo parere?

È stata la peggiore sensazione che io abbia avuto in tutta la mia vita. Mi aspettavo che la gara fosse sospesa per almeno due giorni, ed invece la sera si andò avanti lasciandosi alle spalle la morte di un ragazzo talentuoso di soli 27 anni.

iva zanicchi amarcordLei è una veterana di Sanremo. Ci racconta le sue vittorie e le sue partecipazioni?

Ho vinto la kermesse tre volte. Dopo il 1967, gli altri due anni con “Zingara (1969)” e “Ciao, cara come stai? (1974)”. Ed altre tre volte mi sono classificata tra le prime posizioni.  Voglio però tramite il sito www.maridacaterini.it lanciare un appello.

Quale?

Vorrei invitare un gruppo pop lyric come ad esempio “Il Volo” ad adottare la canzone “Non pensare a me”. Se infatti fosse cantata da questi validi interpreti, sono certa che diventerebbe un successo a livello internazionale. Infatti si tratta di un brano dalla grande estensione vocale. 

Quando la rivedremo in tv?

A livello immediato il 5 febbraio sarò a L’Arena di Massimo Giletti. Ricorderemo la mia prima vittoria di 50 anni fa e io mi esibirò con le tre canzoni con le quali ho vinto altrettanti Festival di Sanremo.

iva zanicchi intervistaChe pensa della conduzione Carlo Conti – Maria De Filippi?

Sono due pezzi da 90 che potrebbero condurre qualsiasi cosa da soli. Maria De Filippi è molto amata da un pubblico trasversale, è una grande manager che potrebbe dirigere qualsiasi azienda. Io la vedrei molto bene in politica anche se so che lei non accetterebbe mai. 

La sua opinione sull’inflazione di talent nelle ultime edizioni della gara sanremese?

Non sono contraria ai giovani provenienti dai talent. È bene che si aprano le porte del grande spettacolo per loro. Ai miei tempi di giovani sul palcoscenico sanremese ce ne erano due, massimo tre, tutti gli altri erano Big. Oggi questa situazione è capovolta.

zanicchi ivaC’è la possibilità che torni al timone di un programma tutto suo?

Ho un’idea alla quale sto lavorando per un progetto musicale che potrebbe andare in onda su Mediaset oppure sulla Rai. In breve si tratterebbe di mettere a confronto due generazioni musicali differenti e vedere le reazioni del pubblico. Di più non posso rivelare. 

Chi vince secondo lei Sanremo 2017?

Non ho dubbi Fiorella Mannoia. Una star come lei merita con la vittoria il coronamento di una prestigiosa carriera.

Ha scritto ancora altri libri?

Recentemente ho scritto una sorta di biografia nella quale racconto me stessa ma anche la storia e le usanze del mio paese. Per adesso è nel cassetto ma molto presto mi deciderò a proporlo ad un editore.

Iva Zanicchi dice la sua su Sanremo, la vita privata della diva

Gossip news: Iva Zanicchi dice la sua su Sanremo, la vita privata della diva
Gossip news: Iva Zanicchi dice la sua su Sanremo, la vita privata della diva

Iva Zanicchi (77 anni) ha di recente concesso un’intervista alla nota rivista settimanale Grand Hotel. La celebre cantante vive a Lesmo (Monza) assieme al suo storico compagno Fausto Pinna e ad una gatta di 16 anni, di nome Stellina. Iva Zanicchi ha accolto l’inviata Nadia Accardi con la verve che la contraddistingue, chiedendole di non far caso al cartello che ha sulla porta, in quanto “riservato ai ladri”. Iva ha dichiarato di averlo messo dopo che la sua casa è stata svaligiata per la settima volta. Sul precitato cartello, la Zanicchi ha fatto incidere le seguenti parole: “Se volete entrare vi faccio una spaghettata, perchè da rubare non è rimasto più niente”.

Iva Zanicchi: i ladri a casa sua

Iva Zanicchi ha compiuto i 77 ani lo scorso 18 Gennaio, ciononostante il suo splendore rimane intatto. la cantante e diva della TV, si è fatta fotografare dallo staff di Grand Hotel nella veranda della sua villa a Lesmo. La 77enne ha dichiarato di abitare qui dal 1972. “All’epoca era solo campagna -ha detto- oggi questa zona è chiamata la ‘Beverly Hills della Brianza‘ perchè vi abitano tanti vip, tra cui Fausto Leali“. La vita scorre tranquilla per Iva, tranne che per un problema: i troppi ladri. La Zanicchi ha trovato la sua dimora svaligiata ben sette volte. “Alla settima ‘visita’ da parte dei malviventi, ho messo un cartello, su cui ho fatto incidere che da rubare non è rimasto più niente, ma che in cambio posso fare loro una spaghettata”.

 Iva Zanicchi e Sanremo

Lo staff di Grand Hotel, durante l’intervista ad Iva Zanicchi, ha chiesto alla celebre cantante se guarderà la prossima edizione del Festival di #sanremo, che partirà a Febbraio. Iva ha risposto che non se lo perderà, in quanto lei è “nata sul palco” e per lei, tale evento è assolutamente imperdibile. “Ho guardato Sanremo anche l’anno scorso -ha affermato- mentre ero a teatro, tra una pausa e l’altra”. Riguardo la conduzione da parte di Carlo Conti e Maria De Filippi, la 77enne ha risposto con una similitudine: “E’ come bere champagne e Barolo insieme, Carlo e Maria sono dei numeri uno”.

«PRENDI QUESTA MANO, BERLU»

Iva Zanicchi, berlusconiana convinta, ci racconta l’ex premier conosciuto nel 1984: «Un uomo di grandissima umanità». «Mi disse di non buttarmi in politica, ma non gli diedi retta: avrei fatto bene».


Una scrivania sgombra. Solo alcuni fogli ordinati sotto ai polsi fermi. Alle spalle una libreria: sparsi, sulle mensole, alcuni volumi e molti ricordi. Un volto asciutto, segnato soltanto da qualche ruga.
Più magro, più giovane. Era il 1994 e Silvio Berlusconi si accingeva a fare il suo ingresso nella scena politica. Meticoloso. Spregiudicato. Instancabile. È stato più volte premier, imprenditore, editore ed imputato in numerosi procedimenti giudiziari.
Oggi, un dolcevita blu e una giacca scura lo accompagnano nelle uscite pubbliche. Passi veloci ma affaticati e qualche ruga celata da una pelle perfetta.
Politicamente scorretto, scaltro e controverso, ha rivoluzionato la comunicazione e ha influenzato, per più di 20 anni, la vita pubblica italiana. Il suo volto ed il suo corpo, lasciati in un angolo ad invecchiare al posto suo, ora, gli restituiscono i suoi anni.
Nel giorno del suo 80esimo compleanno, Iva Zanicchi, icona della musica italiana degli Anni ’60 e ’70 e per molti anni volto rappresentativo di una Mediaset in ottima salute, oggi impegnata nello spettacolo Tre donne in cerca di guai (al Manzoni di Roma fino al 23 ottobre), racconta a LetteraDonna che cos’ha rappresentato l’ex Cavaliere nella sua vita: «L’ho sempre stimato tantissimo perché ho potuto toccare con mano la sua grandissima generosità. Certo, anche lui ha i suoi difetti. Chi non li ha?!».

"In Mutande Ma Vivi" Demonstration In MilanDOMANDA: Quanti anni sono passati dal vostro primo incontro?
RISPOSTA: Era il 1984: avevo partecipato al primo grande show spettacolo di Canale 5, condotto da Johnny Dorelli e Ornella Muti. Eravamo una decina di cantanti e gareggiavamo tra di noi: in quell’occasione Berlusconi venne in studio.
D: E lo conobbe in quella circostanza?
R: Scambiai soltanto qualche parola con lui. L’ho conosciuto solo più avanti.
D: Quando?
R: Finita quell’esperienza, un funzionario mi propose di presentare un gioco (Facciamo un affare, ndr): volevano sperimentare la fascia del mattino, alle dieci, perché non era ancora stata sfruttata, nemmeno dalla Carrà e dal suo programma dei fagioli. Io dissi immediatamente di no.
D: Per quale motivo?
R: Perché non era il mio mestiere, non avevo mai pensato di condurre un programma. Mi promisero un buon compenso ma rimasi convinta della mia decisione. Fino a quando non arrivò la telefonata di un signore.
D: Era Berlusconi?
R: Sì. Abitavamo vicini e mi chiese di raggiungerlo a casa sua per convincermi ad accettare quella proposta. Ci andai. Lui ha straordinarie capacità di convincimento: in quell’occasione fu simpaticissimo e molto cordiale. Mi fece visitare casa sua e sa come andò a finire? Decisi di accettare la conduzione di quel programma. Era stato talmente convincente che, probabilmente, l’avrei fatto anche gratuitamente (ride, ndr). Il gioco andò benissimo e successivamente mi venne proposto Ok, il prezzo è giusto!.
D: Che uomo è l’ex Cavaliere?
R: Una persona di grandissima umanità. Riusciva, con poco, a risolvere, almeno con me, tutte le situazioni, anche le più difficili.
D: È stato un buon editore, quindi?
R: Di più. Personalmente l’ho disturbato sempre molto poco quando lavoravo a Mediaset. Lo interpellavo solo in caso di grandissima necessità. Comunque chiamavo e lui risolveva. Sempre.
D: Ci racconta qualche aneddoto?
R: Io lavoravo per Mediaset da più di dieci anni e Carlo Conti mi propose di fareDomenica In, che era in Rai, alla concorrenza. Ero perfettamente consapevole che si trattasse di una grandissima occasione, ma sapevo anche di avere un altro contratto. Decisi di andare da Berlusconi che, in tre secondi, alzò il telefono e disse: «Iva va a fare Domenica In. Punto». Anche in quell’occasione si dimostrò molto umano: sapeva che andavo alla concorrenza ma capì che era mio desiderio provare quell’esperienza. Ha fatto cose incredibili. Poi, che son berlusconiana si sa (ride, ndr).
D: Ha sempre condiviso il suo pensiero?
R: Finché è stato imprenditore e mio editore, visto che ho lavorato per le sue aziende per 20 anni, non sono mai stata in disaccordo. Se parliamo di politica, allora in quel caso è diverso.
D: Perché?
R: Gli ho sempre rinfacciato il fatto di voler accontentare tutti. Questo, in politica, non si può fare.
D: Signora Zanicchi, com’è avvenuto il suo passaggio dalla televisione alla politica?
R: Per volontà mia: era un desiderio personale. Ma soprattutto, contro il parere di Silvio Berlusconi, che ha cercato di dissuadermi in tutti i modi.
D: Come mai?
R: Ripeteva che io ero amata da tutti, che ero popolare e che con la politica avrei sentito il peso dell’astio e dell’odio. Mi disse di pensarci e mi consigliò di non farlo. Ma quando io mi metto in testa qualcosa sono un mulo e nessuno riesce a convincermi. L’ho fatto, per sei anni, e non rimpiango nulla, ma forse se l’avessi ascoltato avrei fatto bene.
D: Si riferisce alla polemica tra lei e alcuni degli esponenti di Forza Italia?
R: Non voglio parlare di politica. Entreremmo in un argomento che ho giurato di non trattare mai più.
D: Si è mai pentita?
R: No, pentita mai. È una brutta parola. Ho fatto quella scelta liberamente, nessuno mi ha obbligato. Anche mia madre era assolutamente contraria. La passione per la politica è strana e coinvolgente: la politica di per sé è buona, sono gli uomini che la sporcano.
D: Silvio Berlusconi per più di 20 anni ha diviso nettamente i pareri dell’opinione pubblica italiana quasi come nessuno è riuscito a fare. Perché secondo lei è un personaggio così divisivo?
R: Perché ha fatto paura: quando si è messo in politica ha destabilizzato il sistema. Il mio non vuole essere un giudizio di merito, ma un’analisi oggettiva: chi, prima di lui, nel giro di pochi mesi, è riuscito a conquistare politicamente tanti consensi?. Aveva la maggioranza assoluta e questo ha spaventato a morte gli avversari. Ma credo fosse normale: l’Italia ha la divisione nel dna. Gina Lollobrigida o Sofia Loren. Coppi o Bartali. Comunisti o Democristiani. O con o contro, ma in modo feroce, perché è nel nostro spirito.
D: In che senso?
R: La sinistra è sempre stata tranquilla perché la Democrazia Cristiana non gli ha mai dato fastidio veramente. Quando è arrivato Berlusconi ha portato con sé l’idea di rivoluzionare l’Italia e c’è stato un attacco mediatico talmente forte nei suoi confronti che non si è mai più visto e mai più si vedrà, mi creda.
D: Oggi è il suo 80esimo compleanno. Che cosa gli augura?
R: Gli auguro di essere finalmente sereno e felice, in seno alla sua famiglia. So che potrebbe dare ancora tanto politicamente, però ha dei figli e dei nipoti meravigliosi a cui dedicarsi. Gli voglio bene e lui questo lo sa.