Iva Zanicchi si racconta a L’Arena di massimo giletti

iva-zanicchi

 E’ stata una Iva Zanicchi schietta e diretta quella che ha parlato ieri durante ‘L’Arena’ Di Massimo Giletti.

Più che un’intervista è stata una chiacchierata tra amici, con molti ricordi e qualche curiosità come ad esempio l’aneddoto su Lucio Dalla a Sanremo:

Lucio Dalla disse che ero stato la sua più grande delusione. Mi disse: quando sei uscita cantavi il blues, poi a Sanremo hai portato ‘Non pensare a me’ con Claudio Villa. Alla fine voleva essere un complimento.”

Un ricordo particolarmente commosso è andato anche a Virna Lisi, quando Giletti ha mandato lo spezzone di un’intervista in cui l’attrice parlava proprio di Iva Zanicchi con cui ha recitato in ‘Caterina e le sue figlie’:

“Ci siamo frequentate poco, ma le volevo bene. Lei diceva che le avevo attaccato un po’ della mia cialtroneria. Ho un ricordo bellissimo di lei, l’ho sentita poco prima che morisse.”

E poi, come spesso accade quando si parla con Iva Zanicchi, è arrivata la domanda su Berlusconi.

Massimo Giletti le ha chiesto, infatti, di quella volta in cui Berlusconi, allora premier, telefonò durante una trasmissione di Gad Lerner in cui la Zanicchi era ospite e le intimò di abbandonare lo studio chiamando il programma un ‘postribolo televisivo’:

“Non volevo parlare di politica e di Berlusconi. Io gli voglio bene, ma non ne avrei parlato. Quella volta se fossi andata via non avrei potuto difenderlo. Era un ambiente ostile, ma non puoi ordinarmi di uscire da uno studio televisivo, anche se sei Berlusconi. Le mie colleghe mi dicevano ‘Non farti vedere da Berlusconi‘ e invece lui non porta rancore, alla fine mi ha perdonato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *