Dichiarazione di Iva Zanicchi in merito al documento PDL sulla Tutela della Famiglia

Desidero precisare la mia posizione in merito al documento in oggetto, a seguito delle più svariate posizioni e dei commenti che ne sono seguiti.
Ormai sono in politica da alcuni anni e sono abituata al fatto che il mio nome venga utilizzato per fare notizia e ancora una volta è accaduto: tra 175 firmatari, tra cui ex ministri, ex sottosegretari, ed dirigenti di partito di primissimo piano, molti hanno scelto di attaccare me attraverso la rete.
Ero e sono a tutela della Famiglia e del Matrimonio e non ho certo cambiato idea. In un momento come quello attuale il nostro Paese ma ancor più l’Europa dovrebbero essere in prima fila nella tutela della Famiglia…mentre è sotto gli occhi di tutti che così non è, o che comunque le energie messe in campo sono insufficienti.
E’ per questo che ho aderito al documento, con la convinzione che una continua mobilitazione, una richiesta di nuove risorse, sia quanto mai impellente e necessaria.
Altra cosa è il riconoscimento delle unioni civili, siano eterosessuali, siano omosessuali.
Anche se questo mi attirerà critiche e antipatie da parte di colleghi e militanti del PDL, ho applaudito alla decisione del Comune di Milano di dar vita ad un registro per le unioni civili. Non dimentichiamoci però che la scelta di istituire un registro come quello milanese, in assenza di una legislazione nazionale, è un atto puramente formale, di facciata…forse un segno importante, ma appunto solo un segno…e mi diverte che un esponente storico del pd milanese (nonché figura di primo piano del mondo omosessuale) come Mancuso usi la rete per attaccare me invece di preoccuparsi della carenza a livello nazionale di una legge per le unioni civili; legge che, mi sembra di ricordare, era stata proposta da Paola Concia, contro la quale si era espresso il PDL ma anche parte del PD.
Io ribadisco il mio essere favorevole ad un ampliamento di determinati diritti a favore di tutte le coppie, etero e omo.
Da ultimo…chi mi conosce sa come io sia spesso circondata da persone omosessuali e sia stata particolarmente lieta di ricevere il Pegaso D’Oro due anni fa. Se però la comunità omosessuale ritiene che lo debba restituire, anche se a malincuore, sono pronta a farlo in totale amicizia e affetto, cioè lo stesso spirito con cui l’ho ritirato il 13 giugno del 2010.

2 thoughts on “Dichiarazione di Iva Zanicchi in merito al documento PDL sulla Tutela della Famiglia

  1. Pingback: Italia Gay » Iva Zanicchi ribadisce di essere pro Famiglia e Matrimonio e si dice disposta a restituire il Pegaso d’Oro

  2. Cara Iva,
    per quel poco che ti conosco non ho motivo di dubitare delle motivazioni che adduci a sostegno della sottoscrizione del documento del PDL. Tuttavia è indubbio che l’approvazione di un documento come quello non ammetta i “se” ed i “ma” a cui tu fai riferimento in relazione alle unioni civili. Si tratta di un atto politico e di una dichiarazioni di principi, estremamente chiari, precisi e netti. La famiglia è una sola, quella eterosessuale e non sono ammesse deroghe interpretative.
    Scusami, ma avverto un certo fastidio nel dichiararsi a favore di un principio assolutista e che discrimina l’affettività gay, relegandola nell’ambito del diritto privato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *